Città che vai pasta che trovi: a Tropea, puoi gustare i fileja - itTropea

itTropea

CIBO CUCINA TRADIZIONALE

Città che vai pasta che trovi: a Tropea, puoi gustare i fileja

Fileja Nduja

La pasta è indicativa della cultura di un luogo e Tropea è legata senza dubbio ai fileja. Nei menù di tutti i ristoranti tropeani, accanto alle innumerevoli specialità, troviamo sempre, al primo posto, questo tipo di pasta. Rigorosamente fatti a mano si possono mangiare in tutte le salse, partendo dalla versione con la cipolla per arrivare ai frutti di mare.

Fileja Col Sugo
Fileja con i pomodorini, i peperoni cruschi e la ricotta salata

Fileja: tradizione e curiosità

I fileja sono un’eccellenza culinaria diffusa a Tropea e, in generale, in tutta la provincia di Vibo Valentia. Non un semplice formato di pasta, ma una parentesi di gusto e preziosità artigianale. La loro forma ricorda quella dei maccheroni se pur allungati e leggermente arrotolati al loro interno, come se fossero incisi.  Sono diversi i nomi utilizzati in tutta la regione per indicare questo formato di pasta, ma la ricetta è sempre la medesima con qualche variazione nella lavorazione. Sono un piatto povero preparato in casa, con farina, sale e acqua.

Ferretto E Strozzapreti
I fileja fatti in casa col ferretto

La particolarità è il ferretto utilizzato nella preparazione. Per realizzare questa pasta serve infatti, u dinaculu, un bastoncino di circa un millimetro, prodotto da una pianta locale, la gutamara. La caratteristica dei fileja è proprio la filatura con questo bastoncino e, chi non trova il bastoncino della gutamara, può utilizzare il classico ferretto per lavorare la lana. L’impasto viene infatti tagliato a pezzetti, e poi ognuno di esso viene scilato, modellato cioè, con il ferretto. La tradizione ci fa arrivare anche una variante detta i filej masculi, che non vengono filati per scelta della massaia. La cuoca non avendo troppo tempo e non potendo privare la famiglia e gli amici del gusto dei fileja, ne preparava una versione più veloce ma sempre buona. In altre zone della Calabria i fileja hanno altri nomi come ad esempio strangugliapriavitiscilatielli, maccarruni a firrettu.

Fileja frutti di mare e vongole

Fileja al Profumo Di Mare
Fileja ai frutti di mare

La preparazione tipica dei fileja tropeani è con il sugo alla ‘nduja; molto gustosa anche la variante con i fagioli. Interessante la ricetta con le melanzane e la ricotta stagionata grattugiata a scaglie. Noi vi proponiamo una preparazione estiva con i frutti di mare pescati nelle acque cristalline della magnifica Tropea.

Ingredienti per la pasta

Per 4 persone occorrono 150 gr di farina 00; 150 gr di farina di grano duro; 200 gr di acqua. Procedimento: mescolate i due tipi di farina. Unite, pian piano, l’acqua. Le quantità degli ingredienti potrebbero variare in relazione all’impasto che dovrà risultare omogeneo ed elastico. Ottenuto l’impasto fatelo riposare, avvolto da pellicola per circa mezz’ora; successivamente riprendete l’impasto e suddividetelo in piccoli pezzi. Ogni pezzetto dovrete lavorarlo e arrotolarlo su stesso per ottenere cordoncini spessi di circa mezzo centimetro. Avvolgete ora i cordoncini intorno al ferretto e fate una leggera pressione su di esso, per ottenere la forma dei fileja.

Il sugo ai frutti di mare

Servono 500 g di cozze; 500 g di vongole; 300 di calamari; 200 g di pomodorini; qualche cucchiaio di pesto; 1 spicchio d’aglio; olio extravergine di oliva; vino bianco; prezzemolo; sale e pepe nero.

Frutti Di Mare fileja

Preparazione: Spurgare per un paio d’ore cozze e vongole, mettendole separatamente a bagno, con acqua e sale grosso. Risciacquatele e ponetele in un tegame capiente con pochissima acqua. Coprite con il coperchio e fate cuocere fin quando i gusci dei molluschi si saranno completamente aperti. Spegnete ora la fiamma e filtrate l’acqua di cottura dei molluschi con un colino. In una padella capiente e larga, fate soffriggere l’aglio nell’olio, ed unite i calamari che avrete tagliato ad anellini. Fate rosolare ed unite il vino bianco, con prezzemolo e pepe nero o bianco se preferite.

Fileja Ook
I fileja fatti in casa

Aggiungete i pomodorini tagliati a metà, le cozze e le vongole. Fate cuocere a fiamma medio alta per qualche minuto. Nel frattempo cuocete i fileja. Nella pentola versate acqua e al momento del bollore, unite qualche goccia di olio per evitare che si attacchino l’uno con l’altro. Scolate molto al dente e conservate l’acqua di cottura. Aggiungete i fileja al sugo di pesce. Unite il pesto e mantecate qualche minuto a fuoco vivace, unendovi un po’ dell’acqua di cottura conservata. Unite a piacere del peperoncino fresco. Servite con qualche foglia di basilico e se la stagione lo consente, con qualche fiore di zucca che potrete utilizzare anche prima, durante la preparazione del sugo.

Consigli utili

Se non riuscite a trovare il tradizionale bastoncino di ginestra essiccata, potrete utilizzare uno stuzzicadenti adoperato per gli spiedini di carne. Infarinatelo prima di avvolgere la pasta. Vi suggeriamo inoltre, di servire i fileja ai frutti di mare, in un piatto che avrete sui bordi colorato con il pesto. Dovrete cioè, prendere un pennello da cucina e lasciare qualche macchia di verde pesto. Per quanto riguarda i frutti di mare, potrete utilizzare quelli che più vi piacciono rispettandone però, le diverse cotture di preparazione.  

(Foto Luisa Vaccaro/Wikipedia)

Città che vai pasta che trovi: a Tropea, puoi gustare i fileja ultima modifica: 2021-05-27T06:33:17+02:00 da Luisa Vaccaro

Commenti

To Top